Menu Close

La cura dei piedi durante le camminate

La cura dei piedi per escursionisti e camminatori è essenziale e molto importante. Il piede è in un certo senso lo strumento principale di chi cammina. È lui che porta tutto il peso del corpo, che trasmette le sensazioni dal terreno e assorbe i primi urti. È quindi l’elemento vitale di cui bisogna prendersi cura per preservare il comfort e la qualità della camminata. Ma anche per evitare la comparsa di ferite o patologie disturbanti come vesciche, congelamento, unghie nere, funghi, ecc … Ecco quindi alcuni consigli di prevenzione per prendersi cura dei piedi dell’escursionista e avvicinarsi serenamente a lunghe passeggiate ed escursioni della durata di più giorni.

La cura dei piedi nasce dalla loro buona igiene

È importante tagliare regolarmente le unghie dei piedi per evitare il rischio di lesioni. Si consiglia di farlo due volte a settimana. Questo ti risparmierà molto dolore e rischio di lesioni.

Lava regolarmente i piedi con un semplice sapone o gel detergente ma risciacqua bene e soprattutto asciugali bene.

Fai lo scrub: immergi i piedi in un bagno di acqua salata abbastanza calda per ammorbidirli. Quindi procedere con uno scrub. Esistono kit per lo scrub che ammorbidiscono i calli, rimuovono la pelle morta e quella crescente. È una cura da fare almeno una volta al mese, o anche di più durante i periodi di escursioni intense e frequenti.

Visita un podologo una volta all’anno. La cura dei piedi da parte sua sarà sempre vantaggiosa a lungo termine. Ed è un’azione di prevenzione fondamentale anche se i tuoi piedi sembrano sani!

Cura dei piedi degli escursionisti con migliore protezione

  • Se ad esempio sudi molto ci sono diverse creme disponibili in farmacia, e in particolare anche polveri molto efficaci. Non cambieranno la tua sudorazione profonda, ma ne limiteranno i fastidi e le conseguenze. Il tuo piede sarà in un ambiente più sano e sarà protetto dalle infezioni e dalle lesioni legate all’umidità.
  • Usa unguenti antifrizione per evitare la nascita di zone di riscaldamento. Alcuni unguenti fanno anche effetto seconda-pelle che permette di utilizzarli prima di iniziare un’escursione per proteggere il piede.
  • Dopo una lunga giornata di cammino è davvero bello idratare i piedi con l’aiuto di una pomata idratante specifica. Da utilizzare dopo tutti gli altri trattamenti e applicare sul piede asciutto facendola penetrare bene. Una volta applicata, ti darà una sensazione di flessibilità, senza rendere la pelle del piede grassa o bagnata.
  • Esistono anche creme a base di acido borico o anche succo di limone che permettono una “abbronzatura” della pelle dei piedi. Questi prodotti devono essere utilizzati a lungo termine per essere efficaci. Una volta alla settimana è perfetto.

Buone scarpe

Le tue scarpe da passeggio dovrebbero essere comode, adatte al tuo piede e di alta qualità. Scarpe comode che si adattano ai tuoi piedi eviteranno un conflitto ricorrente tra la forma della tua scarpa e il tuo piede. Ciò è essenziale per evitare qualsiasi fonte di riscaldamento e lesioni. Il tuo piede dovrebbe effettivamente essere ben mantenuto senza essere compresso: ma non dovrebbe nemmeno scivolare all’interno della scarpa. Fai molta attenzione nella scelta delle scarpe da trekking in quanto devono essere un ausilio alla camminata. Se la scarpa è troppo stretta, prima o poi ne pagherai le conseguenze.

Le scarpe devono essere minimamente traspiranti: questo limiterà la concentrazione di umidità che è sempre sgradevole e a lungo andare può essere fonte di funghi.

Una scarpa non dovrebbe interferire con la corretta circolazione del sangue alle estremità. È essenziale evitare un’allacciatura molto stretta sulla parte anteriore del piede. Soprattutto quando fa freddo, lasciare che il sangue scorra nelle dita dei piedi: questo riduce il rischio di congelamento.

Scegli scarpe da passeggio di almeno mezza taglia in più della tua solita taglia. Durante le lunghe passeggiate, il piede si gonfia rapidamente. Devi esserne consapevole e assicurarti di prevederlo mentre cammini. Questo ti impedirà di avere la parte anteriore che tocca la punta della scarpa nelle discese e di sentirle troppo strette a fine giornata. La raccomandazione ideale è lasciare un intervallo minimo di 5 mm tra la punta della scarpa e il dito più lungo.

Non partire MAI con scarpe nuove. Innanzitutto perché è necessario farsi le scarpe prima di partire per una lunga camminata. E poi ti risparmierà sorprese: è molto spiacevole rendersi conto che un paio di scarpe non è adatto quando sei via per 7 giorni di cammino!

Buone calze

È fondamentale evitare i calzini da città. Molto spesso sono troppo sottili e troppo fragili per sopportare lunghe ore di attrito e sforzo. Inoltre, a seconda del materiale, tendono a riscaldarsi!

Evita di indossare le scarpe chiuse a piedi nudi. Questo può essere allettante a temperature elevate, ma prima o poi pagherai a caro prezzo in vesciche, sudorazione, piaghe e dolori ripetuti. È molto meglio camminare con calze che hanno un evidente ruolo protettivo.

Aggiusta bene i calzini quando li indossi. Fai attenzione a non lasciare che si formino pieghe o “forme a budino”. Ciò costituirebbe un’area di attrito significativa.

Scegli calze specifiche per camminare, come le calze a doppio strato di CIMALP.

Scegli il tuo calzino in base alla tua sensibilità. Esistono tutti i tipi di calzini: anti-odore, anti-vesciche, termoregolatori, traspiranti, ecc. Ma soprattutto devono eliminare il sudore per rimanere asciutti il ​​più a lungo possibile a contatto con i piedi. Un’atmosfera umida è sempre un fattore favorevole per la comparsa di vesciche, funghi e congelamento…

Cambia tassativamente i calzini ogni giorno! Puoi cambiarli anche a metà della giornata di escursionismo: è un vero plus e ti aiuterà a preservare i tuoi piedi nel lungo periodo.

Prendi dei calzini contenitivi. Saranno di incredibile beneficio per il recupero in generale ma limiteranno anche la sensazione di gambe pesanti e dolore al polpaccio, alla caviglia e al piede.

Consigli Extra

Asciuga sempre le scarpe all’aperto dopo una giornata passata a camminare. Rimuovi anche le suole per ventilare e asciugare.

Mantieni le tue scarpe con cura e controlla come le indossi. Cambiare la scarpa può influire sulla camminata e sul supporto e creare lesioni.

Indossa le scarpe un’ora e mezza prima di partire per la camminata.

Porta sempre con te un kit di sollievo per i piedi: cerotti, disinfettante, calzini in più, ecc…

La sera indossa delle scarpe aperte come dei sandali ma con un sostegno adeguato per arieggiare sufficientemente i tuoi piedi.

La cura del piede di un escursionista o di un camminatore equivale alla buona qualità dei pneumatici per un’auto prima di un lungo viaggio. Quindi non trascurare questo aspetto prima di affrontare una lunga escursione. Vai oltre presta la dovuta attenzione ai tuoi piedi durante tutto l’anno. Proverai comfort, piacere ed efficienza. E la cosa migliore di camminare nella meravigliosa natura è dimenticare il dolore, dimenticare i tuoi piedi!