Menu Close

Abbigliamento traspirante e impermeabile

Impermeabilità e traspirabilità sono termini spesso usati nelle descrizioni degli indumenti tecnici e poche persone sanno davvero cosa stanno acquistando. Anche se non è molto complicato è comunque necessario considerare alcune spiegazioni tecniche che ti illumineranno su questi concetti. E ti aiuteranno a scegliere il capo giusto per le tue esigenze.

Punteggio di impermeabilità

L’impermeabilità di un tessuto o di una membrana è la capacità di impedire la penetrazione dell’acqua.

L’impermeabilità si ottiene associando una membrana al tessuto o rivestendolo. Per misurare l’efficacia dell’impermeabilità di un tessuto e quantificarla, è necessario seguire i passaggi seguenti.

Il tessuto viene posto sotto l’acqua e si controllano le prime gocce che passano attraverso il tessuto. Maggiore è l’altezza dell’acqua, più impermeabile sarà il tessuto.

L’unità usata per misurare l’impermeabilità di un tessuto è lo Schmerber.

Schmerber corrisponde a un’altezza dell’acqua di 1 mm. Un indumento che ha una valutazione di impermeabilità di 10.000 Schmerber, resiste a una gettata d’acqua di 10.000 mm prima di far passare l’acqua o 10 m d’acqua! Si ritiene generalmente che un capo sia totalmente impermeabile da 20.000 Schmerber, ma 10.000 Schmerber sta già garantendo un’impermeabilità molto efficace!

Punteggio di traspirabilità

La traspirabilità è la capacità di un tessuto o di un indumento di drenare il vapore acqueo. Avendo un buon livello di traspirabilità, un tessuto limiterà il livello di condensa del vapore acqueo all’interno del capo, dovuto principalmente alla traspirazione e alla differenza di temperatura con l’aria umida che entra nell’indumento.

A seconda dell’abbigliamento e dell’ambiente, il nostro corpo a riposo rilascia circa 0,06 litri di acqua all’ora. In caso di sforzo minimo, aumenta rapidamente fino a 0,5 litri di acqua all’ora. Se lo sforzo è intenso, può arrivare fino a un litro o più.

Per proteggere il corpo dal raffreddamento eccessivo o dal surriscaldamento, la permeabilità di un materiale a vapore acqueo è estremamente importante per la rapida evacuazione dell’umidità.

Un tessuto che garantisce una buona traspirazione limita la condensazione del vapore acqueo all’interno del capo, e facilita quindi la fuoriuscita del sudore e mantiene il corpo asciutto.

Esistono molti modi per misurare la traspirabilità di un prodotto ma ce n’è uno che viene utilizzato molto dai principali marchi di abbigliamento outdoor.

Il MVTR (Moisture Vapour Transmission Rate) calcola la quantità di acqua (sottoforma di vapore) che il tessuto rilascia nel giro di 24 ore.

Più il numero è alto, più il tessuto è traspirante.

Il MVTR è calcolato in gr/metroquadrato/24 ore: e cioè, la quantità di vapore acqueo che si crea in un’area di un metro quadrato di tessuto al giorno.

Un valore di 30.000 gr / m2 / 24 ore indica un capo estremamente traspirante e 20.000 gr / m2 / 24 ore indica un’ottima traspirabilità. A 10.000 si dice che un capo sia traspirante e poco traspirante se il suo risultato è di soli 5.000 gr / m2 / 24 ore.

È possibile avere un buon tasso di impermeabilità e un buon tasso di traspirabilità allo stesso tempo?

È difficile combinare queste due qualità in un capo allo stesso tempo. Per questo la ricerca è fondamentale per sviluppare membrane sempre più sofisticate e un utilizzo di tecniche all’avanguardia.

La membrana (o rivestimento) di un tessuto contiene milioni di pori microscopici per centimetro quadrato. Devono essere abbastanza grandi da consentire la fuoriuscita del vapore acqueo (traspirazione), ma abbastanza piccoli da impedire il passaggio della pioggia nella direzione opposta. È questo delicato equilibrio che si ottiene con le membrane di ultima generazione per offrirti un abbigliamento tecnico sempre più confortevole.